Comunicati 2017

INTERNATIONAL ROSETTA SKYRACE 2017 – RASURA (SO)

Gil Pintarelli vince la gara,
Martin Stofner il circuito.
Lisa Buzzoni fa doppietta.



03/09/2017 - Scritto da: Maurizio Torri
Link: INTERNATIONAL ROSETTA SKYRACE 2017 – RASURA (SO)

In 307 nella Valle del Bitto per la finale del circuito La Sportiva. Giornata strepitosa nella Valle del Bitto....

Gil Pintarelli vince la gara, Martin Stofner il circuito. Successo che vale doppio, invece, per l'orobica Lisa Buzzoni. Circuito la Sportiva Mountain Running Cup atto sesto. Messe in archivio Trentapassi SkyRace, Ledro SkyRace, Stava Mountain Race, San Fermo Trail e Skylakes, in 307 si sono dati appuntamento sui 22.4 km dello spettacolare tracciato disegnato tra storici alpeggi e creste aeree che hanno regalato vedute mozzafiato dall’Adamello al massiccio del Bianco con scorci impagabili sull’Alto Lario.

Al sesto chilometro il primo traguardo volante. Ad aggiudicarsi il memorial Bruno e Giuliana Martinalli, posto all'altezza della "Casera Vegia", il lecchese Daniel Antonioli e la lariana Arianna Oregioni. La gara è entrata nel vive all'Alpe Piazza, un vero palcoscenico naturale sul vicino Lago di Como. Qui, un terzetto al comando. Il soldatino del Cs Esercito Daniel Antonioli, già vincitore di questa gara, ha sfruttato le proprie doti da scalatore provando a sgranare il gruppo di testa. Alle sue spalle l'altoatesino Martin Stofner e il trentino Gil Pintarelli. Il suo forcing si è rivelato ottimale per sbucare per primo ai 2217 m del Pizzo dei Galli. Bis di traguardi volanti quindi per Antonioli che si è portato in fuga Martin Stofner, Gil Pintarelli, Andrea De Biasi e Andrea Morelli.

Ad aggiudicarsi il Memorial Franco Garbellini in rosa ancora Arianna Oregioni. In lizza per il podio finale anche Paola Gelpi e la leader di circuito Lisa Buzzoni. La discesa verso la piana di Olano e la successiva risalita verso la cima della Rosetta, si sono rimescolate la carte in tavola con i "crazy boy" Gil Pintarelli e Andrea De Biasi che hanno messo la freccia e attaccato Antonioli. Con loro anche il leader di circuito Martin Stofner. Al femminile Arianna Oregioni ha invece continuato il proprio forcing portandosi dietro la lariana di Bellagio Paola Gelpi e l'orobica Buzzoni.

La gara, come ogni anno, si decisa nella lunga, lunghissima picchiata verso il traguardo dove è andato in scena il “Gil Pintarelli Show”. Il trentino del Team Crazy ha stretto i denti e vinto nuovamente, dopo sette anni, la gara della Valgerola. Per lui crono di2h11'40". Seconda piazza e successo nel circuito per Martin Stofner- 2h12'39"- Terzo posto per un generosissimo Andrea De Biasi -2h16'54"-. Nei cinque anche Davide Invernizzi e Marco Leoni. Completano la top ten di giornata Paolo Bert, Erik Gianola, Andrea Morelli, Fausto Rizzi e Massimo Triulzi. Al femminile, Lisa Buzzoni ha lasciato sfogare le dirette avversarie per poi salire in cattedra. Per lei un successo che vale doppio: gara e circuito con finish time di 2h41'24". Secondo posto per un'altra azzurra di mountain running Arianna Oregioni -2h43'11"-. Terzo posto per una debuttante d'eccezione su questo tracciato Paola Gelpi -2h45'07"-. Quarta e quinta piazza per le lecchesi Francesca Rusconi - Sara Rapezzi.

Per quanto riguarda il circuito La Sportiva Mountain Running Cup Martin Stofner vince con 333 punti su Gil Pintarelli che in questa finale ottiene i punti necessari per passare Paolo Bert. Classifica alla mano, Pintarelli è secondo con 301 punti, mentre Bert slitta terzo con 283. Nella classifica in Rosa Lisa Buzzoni corona la propria "magic summer" vincendo il circuito (333 punti). Seconda Francesca Rusconi (253) e Elisa Grill (197) che a suon di buoni piazzamenti ha scalzato nella prova finale l'esperta Ida Parisi 4ª finale con 191 punti.

Nella Valle del Bitto si decide il circuito
La Sportiva Mountain Running Cup



30/08/2017 - Scritto da: Maurizio Torri
Link: INTERNATIONAL ROSETTA SKYRACE 2017 – RASURA (SO)

Iscrizioni ancora aperte e ultimi giorni di frenetico lavoro per gli uomini dello Sport Race Valtellina che domenica proporranno l’11ª edizione della International Rosetta SkyRace. Una classica di fine stagione che, grazie allo strepitoso tracciato e all’alto livello organizzativo, è stata nuovamente scelta come finale del prestigioso circuito La Sportiva Mountain Running Cup.

Ottimi atleti italiani e stranieri, il popolo delle sky partiranno alle 9 dal polifunzionale in centro paese per misurarsi su un anello disegnato tra storici alpeggi e creste aeree che, meteo permettendo, regalerà vedute mozzafiato che spaziano dall’Adamello al massiccio del Bianco con scorci impagabili sull’Alto Lario. 22,4 chilometri (1740m di salita e altrettanti di discesa) di vero skyrunning, resi ancora più elettrizzanti dai traguardi volanti posti all’altezza dell’Alpe Tagliate e in Cima al Pizzo dei Galli. Al 6° km, il primo uomo e la prima donna che transiteranno davanti alla Casera Vegia si aggiudicheranno il Memorial Bruno e Giuliana Martinalli. Al GPM della gara, ai 2217m del Pizzo dei Galli, è invece previsto il Memorial Franco Garbellini: un riconoscimento per i primi tre uomini e le prime tre donne che transiteranno in vetta. (Record da battere Paolo Bert 2h09’13” e Denisa Dragomir 2h34’15”)

Sfida nella sfida:

Spinti dal pubblico delle grandi occasioni, alcuni dei migliori interpreti nazionali della specialità si giocheranno non solo il primo posto in gara, ma anche il gradino più alto del podio nel circuito La Sportiva. Messe in archivio le prime quattro tappe (Trentapassi SkyRace, Ledro SkyRace, Stava Mountain Race, San Fermo Trail) e tenendo conto dei punti messi in palio dalla Skylakes, prova Jolly 2017, nel ranking maschile l’altoatesino Martin Stofner (303 punti) e il piemontese Paolo Bert (269) sono in lizza per il successo finale. Chiamato a difendere la terza piazza troviamo invece il “crazy boy” di Pergine Valsugana Gil Pintarelli.
Più definita la classifica in rosa con l’orobica Lisa Buzzoni saldamente al comando, forte dei 291 punti sin ora conquistati. Alle spalle dell’azzurra di mountain running, la lecchese Francesca Rusconi ha messo in cassaforte la seconda piazza (239 punti) tenendo a debita distanza la trentina Ida Parisi (177 punti).

Come al solito, ricchi premi per tutti:

Famosa per la passione organizzativa, il suo nuovo e spettacolare tracciato e per l’ottimo pranzo post gara, la International Rosetta SkyRace è anche sinonimo di massima attenzione per ogni singolo concorrente. Anche quest’anno per i runner più veloci sono confermate le 24 forme di formaggio Bitto, Latteria e Casera. Sempre nell’ottica di gratificare ogni finisher, il pacco gara 2017 prevede un guanto tecnico Crazy Idea e diversi prodotti tipici locali tra i quali spicca ancora una volta il prodotto caseario celebre in tutto il mondo e che ha dato il nome alla valle ove è disegnata questa spettacolare corsa a fil di cielo.

Il Programma di domenica:

Dalle ore 7.15 alle ore 8.40 Consegna del pettorale di gara presso il Polifunzionale di Rasura.
Ore 8.45 Presentazione top runner
Ore 9.00 Partenza International Rosetta Skyrace
Ore 10.00 Partenza Giovani Promesse
Ore 12.30 Pranzo con prodotti tipici locali a cura della Pro Loco Rasura Mellarolo
Ore 15.00 Premiazioni delle manifestazioni presso il Polifunzionale di Rasura.
Ore 18.00 S. Messa presso la chiesa di Rasura in ricordo di Sandro, Pietro e Franco

Finale scoppiettante per il circuito
La Sportiva Mountain Running Cup



22/08/2017 - Scritto da: Maurizio Torri
Link: INTERNATIONAL ROSETTA SKYRACE 2017 – RASURA (SO)

Domenica 3 settembre sui sentieri della Valle del Bitto saranno scintille. Nuovamente finale del prestigioso circuito La Sportiva Mountain Running Cup, la International Rosetta Skyrace sarà infatti chiamata a decretare re e regina del challenge italiano che raggruppa alcune delle gare italiane più belle e meglio organizzate.

Messe in archivio le prime quattro tappe (Trentapassi SkyRace, Ledro SkyRace, Stava Mountain Race, San Fermo Trail) e tenendo conto dei punti messi in palio dalla Skylakes, prova Jolly 2017, nel ranking maschile l’altoatesino Martin Stofner (303 punti) e il piemontese Paolo Bert (269) sono in lizza per il successo finale.
Un gap di soli 34 punti è talmente risicato che non permetterà loro alcun calcolo sull’aereo e spettacolare tracciato disegnato all’interno del Parco delle Orobie Valtellinesi. Scialpinista prestato alle corse a fil di cielo il primo, due volte vincitore del circuito Laspo il secondo, sono pronti a darsi battaglia: «Domenica con il successo alla San Fermo Trail sono balzato in testa alla classifica – ha dichiarato Martin Stofner -. Giusto quindi che ci provi giocando tutte le mie carte alla Rosetta. So che non sarà facile, visto che Paolo Bert è un fortissimo avversario; ha tanta esperienza e ha già vinto questa gara. Sono comunque motivato e intenzionato a provarci».

Sulla stessa linea anche colui che nella Valle del Bitto, lo scorso anno, mise tutti dietro: «La Rosetta è una gara molto bella, l’ho corsa più volte e ho avuto pure l’onore di vincerla – ha confermato Paolo Bert -. Quella lunga discesa finale si addice alle mie caratteristiche, ma anche Stofner è uno molto forte in discesa. So quindi che non sarà facile riconfermarmi sul gradino più alto del podio».

In lizza per la terza piazza finale troviamo invece il “crazy boy” di Pergine Valsugana Gil Pintarelli: «Dopo la San Fermo ho fatto tutti i mie calcoli e, numeri alla mano, so che non potrò vincere il circuito. Ciò non toglie che tornerò con estremo piacere alla Rosetta, una gara che conosco e che ho già vinto quando si correva sul vecchio tracciato».

Più definita la classifica in rosa con l’orobica Lisa Buzzoni saldamente al comando, forte dei 291 punti sin ora conquistati. Alle spalle dell’azzurra di mountain running, la lecchese Francesca Rusconi ha messo in cassaforte la seconda piazza (239 punti) tenendo a debita distanza la trentina Ida Parisi (177 punti). «Sulla carta sono favorita, ma non voglio pensare ai numeri o fare inutili calcoli – ha puntualizzato Lisa Buzzoni -. Questa per me è stata un’estate fantastica che mi ha portato a vestire la maglia azzurra ai mondiali di Premana. Vincere il circuito La Sportiva sarebbe la ciliegina sulla torta. Il 3 settembre tornerò volentieri a Rasura per correre la Rosetta e vedere quel nuovo tracciato di cui ho sentito parlare un gran bene».

Iscrizioni ancora aperte e tensione che sale in vista di una delle super classiche di fine stagione. Date tali premesse sarà spettacolo garantito sui 22,4 chilometri (1740m di salita e altrettanti di discesa) tutti da correre con il cuore in gola. Ad assicurare una super bagarre anche la presenza dei traguardi volanti posti all’altezza dell’Alpe Tagliate e in Cima al Pizzo dei Galli. Al 6° km, il primo uomo e la prima donna che transiteranno davanti alla Casera Vegia potranno infatti aggiudicarsi il Memorial Bruno e Giuliana Martinalli. Al GPM della gara, ai 2217m del Pizzo dei Galli, è invece previsto il Memorial Franco Garbellini: un riconoscimento per i primi tre uomini e le prime tre donne che transiteranno in vetta.